See below for the English version of this message.

Sostenibilità ambientale: l’Italia in che posto si trova nella classifica?

L’EPI (Environmental Performance Index) è un indice di sostenibilità che, ogni due anni dal 2002, pubblica il report sull’andamento delle prestazioni ambientali dei Paesi nel mondo. Sviluppato a partire dal Pilot Environmental Performance Index e progettato per integrare gli obiettivi ambientali delle Nazioni Unite, l’EPI è stato elaborato da Yale e Columbia University e ha adottato metriche diverse nel corso del tempo. 

Tutela della biodiversità e degli habitat naturali, quantità di copertura forestale, vitalità degli ecosistemi, politiche climatiche, qualità di aria e acqua: l’indice EPI varia molto in funzione dei parametri considerati. Il report 2020 prende in esame 32 indici di performance di salute ambientale calcolati per 180 Paesi, aggiungendo nuovi indicatori rispetto al 2018, al fine di approfondire l’analisi dei servizi ecosistemici e dei cambiamenti climatici.

Nella classifica della sostenibilità ambientale globale, la Danimarca è al primo posto, seguita da Lussemburgo, Svizzera, Regno Unito e Francia. L’Italia ora è scesa dal 16° al 20° posto rispetto al report precedente: si registrano peggioramenti riguardanti in particolare il consumo del suolo, la frammentazione degli habitat naturali, lo sfruttamento degli ecosistemi marini e la grande quantità di CO2, CH4, N20 e gas serra immessi nell’atmosfera.

Come siamo arrivati fin qui? Perché l’Italia peggiora invece di migliorare?

Si parla di sostenibilità da più di 30 anni, eppure i metodi, i mezzi e le azioni implementate sono sempre le stesse e, come si vede da questi dati, non portano miglioramenti permanenti. Partiamo dalle basi, dalla progettazione dei processi, facendoci guidare da chi, con i giusti Know-How e competenze può orientare il progresso verso obiettivi reali e raggiungibili. Solo una pianificazione precisa e coerente può creare fondamenta stabili per l’implementazione di azioni concrete ed efficienti. Con Agritettura studiamo ogni giorno soluzioni per migliorare la vita dell’uomo sul pianeta e rendere le città ambienti sicuri, in cui si respira aria pulita e si torna al contatto con la Natura come risorsa da preservare. 

Il report EPI del 2022 è il nostro prossimo obiettivo. A che punto sarà l’Italia?

 

_______________________________________________________________________________________

 

Environmental sustainability: where is Italy in the ranking?

The EPI (Environmental Performance Index) is a sustainability index that, every two years since 2002, publishes the report on the environmental performance of countries around the world. Developed from the Pilot Environmental Performance Index and designed to complement UN environmental goals, EPI was developed by Yale and Columbia University and has adopted different metrics over time.

Protection of biodiversity and natural habitats, quantity of forest cover, vitality of ecosystems, climate policies, air and water quality: the EPI index varies greatly according to the parameters considered. The 2020 report examines 32 environmental health performance indices calculated for 180 countries, adding new indicators compared to 2018, in order to deepen the analysis of ecosystem services and climate change.

In the global environmental sustainability ranking, Denmark is in first place, followed by Luxembourg, Switzerland, the United Kingdom and France. Italy has now dropped from 16th to 20th place compared to the previous report: worsening is recorded regarding in particular land consumption, the fragmentation of natural habitats, the exploitation of marine ecosystems and the large amount of CO2, CH4, N20 and greenhouse gases released into the atmosphere.

How did we get here? Why is Italy getting worse instead of improving?

We have been talking about sustainability for more than 30 years, yet the methods, means and actions implemented are always the same and, as can be seen from these data, do not lead to permanent improvements. We must start from the basics, from the design of processes, letting ourselves be guided by those who, with the right know-how and skills, can guide progress towards real and achievable goals. Only precise and consistent planning can create a stable foundation for the implementation of concrete and efficient actions. With Agritettura we study solutions every day to improve human life on the planet and make cities safe environments, where we can breathe clean air and return to contact with Nature as a resource to be preserved.

The EPI report of 2022 is our next goal. Where will Italy be?